Game Of Thrones – Recensione serie TV

Game of Thrones è regolarmente classificato come una storia “epica fantasy”, una serie drammatica creata per la televisione dallo studio HBO. Creato da David Benioff

Game of Thrones è regolarmente classificato come una storia “epica fantasy”, una serie drammatica creata per la televisione dallo studio HBO. Creato da David Benioff e D.B. Weiss è un adattamento della serie di romanzi fantasy “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco” di George R.R. Martin. “Game Of Thrones” è il primo della serie di Martin’s e pone le basi per la serie TV.

Girato principalmente in uno studio a Belfast, in Irlanda, molte altre location sono utilizzate come fondali per la serie, tra cui Malta, Croazia, Islanda e Marocco. Game of Thrones è stato presentato per la prima volta su HBO nell’aprile 2011 e da allora ha continuato a crescere in popolarità. Oggi è ampiamente considerata la serie più vista sul piccolo schermo.

Le impostazioni

Lo spettacolo è ambientato nei continenti immaginari di Westeros ed Essos e segue una serie di trame diverse contemporaneamente. La storia principale è incentrata su diverse casate nobiliari in un’epoca di guerra civile, tutte alla ricerca del controllo del “Trono di Spade” dei “Sette Regni”.

Una seconda trama porta gli spettatori in un mondo di neve e ghiaccio e una minaccia emergente di un inverno senza fine in cui creature mitiche emergono dalle terre del nord. Il senso di un’inevitabile fusione delle storie si evolve durante ogni stagione, poiché l’obiettivo principale sembra essere la rilevanza del Trono di Spade.

La terza storia racconta la rinascita dell’ultimo rampollo in esilio della deposta dinastia regnante del regno e dei suoi tentativi di reclamare il Trono di Spade. Incorporando personaggi moralmente ambigui, la serie esplora le sottigliezze della gerarchia sociale, della guerra civile, delle credenze religiose, del crimine e della punizione.

Base di fan e budget

Game of Thrones è facilmente la serie TV più popolare che abbia mai aumentato la popolarità del genere fantasy. Il suo budget enorme assicura il suo continuo successo e la sua vasta corsa mentre il culto come il seguito che si è sviluppato cresce sempre più grande con ogni stagione che passa.

La base di fan della serie è ampia e internazionale, ora in onda in tutti i continenti e il grande successo della critica assicura che la popolarità continuerà a fiorire. Avendo vinto numerose nomination ai premi, tra cui due nomination agli Emmy Award in prima serata per eccezionali serie drammatiche e una nomination ai Golden Globe per la migliore presentazione drammatica in forma lunga.

Nel 2012, Vulture ha classificato la base di fan della serie come la più devota nella cultura popolare, davanti a Lady Gaga, Justin Bieber e Harry Potter. La BBC News ha riferito nel 2013 che “la passione e l’estrema devozione dei fan hanno portato a un fenomeno diverso da qualsiasi cosa relativa ad altre serie TV popolari”.

Si stima che il budget per il solo pilota sia costato alla HBO tra $ 5 e $ 10 milioni, il budget totale per la prima stagione è stato riferito di oltre $ 50 milioni. Un aumento del budget del 15% è stato assicurato per la seconda stagione.

Uccidere il cast

Il casting è una caratteristica della serie che non ha mai avuto paura di “uccidere” i suoi protagonisti. Il cast dell’ensemble include Peter Dinklage (vincitore dell’Emmy Award e del Golden Globe) nel ruolo di Tyrion Lannister. Nel 2012 uno studio ha rivelato che la serie era seconda in una lista di 40 serie TV drammatiche per morti per episodio, con una media di 14.

Chiamato scherzosamente dal creatore della serie David Benioff come “I Soprano della Terra di Mezzo”, Game of Thrones ha uno dei più grandi cast di ensemble mai compilati per una serie TV.

Quanto tempo può durare?

Avendo le sue radici in una storia esistente, ci sono preoccupazioni che estendere la serie oltre le dieci stagioni potrebbe uccidere il suo senso di slancio. I rapporti suggeriscono che i produttori preferirebbero la fine dello spettacolo prima dell’uscita del romanzo finale della serie fantasy di Martin.

Con ogni stagione in esecuzione per 10 episodi da cinquanta minuti, si ritiene che HBO abbia suggerito che sono possibili otto stagioni con uno spazio per circa 80 ore di materiale. In questa fase sono state ordinate quattro stagioni. Le prime due stagioni sono state adattate dai singoli libri della serie. La terza stagione è un adattamento dell’intera serie, consentendo la flessibilità di spostare gli eventi avanti e indietro lungo l’intera trama.

In revisione

La risposta della critica allo spettacolo è stata ampiamente positiva. Entrambe le prime due stagioni sono apparse nelle liste Best of di Time per il 2011 e il 2012. Anche il Washington Post ha elencato la prima stagione nella loro migliore serie TV del 2011.

I critici nel recensire la serie hanno notato gli alti valori di produzione, mondi ben realizzati e personaggi avvincenti. Le esibizioni del cast in gran parte britannico e irlandese sono state ampiamente elogiate. Diversi critici hanno anche notato che il talento infantile presentato nello spettacolo con la quattordicenne Maisie Williams si è distinto.

Entertainment Weekly ha elogiato la narrazione della serie, descrivendola come “viva, vitale e semplicemente divertente”. L’Hollywood Reporter ha scritto che lo spettacolo è stato “un forte motivo per essere una delle migliori serie TV”.

La maggior parte delle critiche alla serie sono state rivolte alla quantità di sesso e nudità mostrata in Game of Thrones, in particolare nelle scene etichettate come accessorie alla trama. Il New York Times disapprovava i personaggi, suggerendo una mancanza di complessità e una “trama tortuosa”.

Un’altra critica lanciata da più di un recensore è rivolta ai livelli di tortura descritti nella serie. Jezebel ha descritto alcune scene come “violenza insensata e oggettivante e immagini sessuali”.

La popolarità e la natura unica della serie suggeriscono diversi anni a venire per i fan da trattare. Con un numero di spettatori stimato in oltre 10 milioni per episodio, Game of Thrones è ora la terza serie più popolare nella storia della HBO.

Share :

Twitter
Facebook
Pinterest
LinkedIn

More Adventures