Italia – Giubilo alla retrocessione

I tifosi stavano ancora festeggiando da Milano fino a Roma venerdì prima che il Tribunale dello Sport italiano interrompesse le celebrazioni della nazione.

I tifosi italiani stavano festeggiando la quarta Coppa del Mondo dei loro paesi. I tifosi stavano ancora festeggiando da Milano fino a Roma venerdì prima che il Tribunale dello Sport italiano interrompesse le celebrazioni della nazione. In meno di una settimana i tifosi italiani sono passati dal giubilo alla disperazione quando il più grande scandalo che ha colpito la Serie A si è concluso.

L’ultimo scandalo che ha colpito i centri del calcio italiano riguarda l’ex general manager della Juventus Luciano Moggi e il suo ruolo in presunte partite truccate. Si ritiene che Moggi abbia usato le sue connessioni per influenzare le nomine degli arbitri per le partite della Juventus. La Juventus non è l’unico club coinvolto in quanto Milan, Lazio e Fiorentina sono anche accusati di aver tentato di aggiustare una partita, di aver aggiustato una partita e di non aver segnalato partite truccate o simili comportamenti “antisportivi”.

La Federcalcio italiana (IFF) ha chiesto al procuratore di Stato, Stefano Palazzi, di avviare un procedimento contro i quattro club accusati di partite truccate. Palazzi ha voluto dare l’esempio ad altri club in Italia in questo caso e prima che il risultato fosse annunciato voleva che la Juventus retrocedesse in Serie C1 (il terzo livello del calcio italiano), e Milan, Lazio e Fiorentina retrocessero in Serie B.

Venerdì 14 luglio 2006 Palazzi ha reso nota la decisione del Tribunale dello Sport. L’annuncio ha scosso il mondo del calcio quando Juventus, Fiorentina e Lazio sono state retrocesse in Serie B. La Juventus è stata privata degli ultimi due titoli di Serie A e ha ottenuto una detrazione di 30 punti per l’inizio della nuova stagione. Anche Fiorentina e Lazio hanno ottenuto rispettivamente sette e dodici punti per la nuova stagione. Il Milan è scampato alla retrocessione ma inizia la stagione in Serie A con 15 punti di riduzione.

La Vecchia Signora di Torino è stata la più colpita dei quattro club coinvolti. Questo perché Lazio, Milan e Fiorentina sono state accusate di reati ben minori. La Fiorentina è stata vittima di ufficiali di gara controllati dall’ex direttore generale della Juve Moggi fino a quando il club ha deciso di interrompere la campagna contro il direttore generale della Juventus. Una volta deciso di porre fine a questa campagna, verso la fine della stagione 2004/05 gli sono state date alcune decisioni favorevoli che li hanno salvati dalla retrocessione. Il Milan ha contattato diversi guardalinee e la Lazio si è rivolta ai funzionari della lega che hanno nominato gli arbitri.

I quattro club al centro dello scandalo non sono gli unici a risentire dell’esito. Messina, Lecce e Treviso evitano la retrocessione dalla Serie A e l’Italia ora ha nuovi ingressi in Champions League e Coppa Uefa. Juventus, Milan e Fiorentina sono state espulse dalla Champions League e sono state sostituite da Roma, Chievo e Palermo e la Lazio è stata sostituita dall’Empoli in Coppa Uefa.

Questa non è la fine dell’attuale scandalo poiché sono stati nominati anche altri cinque club. Sotto inchiesta anche Siena, Reggiana, Lecce e Messina di Serie A e Arezzo di Serie B. Il motivo per cui Lazio, Milan, Fiorentina e Juventus sono stati processati ora è che l’IFF ha dovuto rispettare la scadenza della UEFA del 25 luglio, per nominare i club italiani che parteciperanno in Europa la prossima stagione.

Ci vorranno anni perché il calcio italiano si riprenda da questo scandalo e club come la Juventus potrebbero affrontare un possibile “crollo finanziario”. La Juventus ricava circa l’80% dei propri ricavi da sponsorizzazioni e diritti televisivi. La retrocessione in Serie B effettuerà questo reddito poiché i diritti TV per la Serie B (la scorsa stagione) erano di 14 milioni di sterline e questo è un grande calo rispetto ai 66 milioni di sterline che hanno ricevuto la scorsa stagione. È anche più che probabile che gli sponsor si ritirino (quindi non sono legati a un club corrotto) e questo (insieme a un calo dei ricavi televisivi) potrebbe vedere il fatturato della Juventus scendere del 50%.

Dato che la Juventus non riesce ad attirare grandi folle (in Serie A) e ora deve giocare il suo mestiere in Serie B, i suoi guadagni dalla vendita dei biglietti precipiteranno ulteriormente. La Juventus è anche abituata al calcio regolare della Champions League che genera milioni ogni anno, ci vorranno almeno tre stagioni prima di giocare di nuovo nella competizione.

Alcuni neutrali non saranno sorpresi dal recente scandalo. L’ultima volta che l’Italia ha vinto il Mondiale, nel 1982, Lazio e Milan retrocesse in Serie B ammettono accuse di corruzione. I risultati di quello scandalo hanno impiegato sette anni per riprendersi il calcio italiano.

La decisione del Tribunale dello Sport non ha riguardato solo i club coinvolti, ma anche i tanti tifosi che attirano e anche il calcio italiano in generale. La competizione in Serie A la prossima stagione sarà debole in quanto squadre come Messina, Lecce e Treviso non sono nello stesso campionato di Milan, Juventus e Lazio. Non hanno la stessa base di fan, potere finanziario o giocatori per competere ad alto livello.

Cosa significa questo per il calcio italiano? La qualità della Serie A sarà più debole la prossima stagione in quanto ci sono solo una manciata di club che possono realisticamente sfidarsi per lo scudetto. I fuoriclasse di Juventus, Lazio e Fiorentina partiranno e probabilmente finiranno per giocare il loro mestiere in Liga o in Premiership. A sua volta questo indebolirà la Serie A poiché squadre come Roma e Inter soffriranno di una mancanza di concorrenza. Ciò influenzerà tutta la Serie A poiché la qualità delle partite diminuirà e questo influirà su presenze e entrate.

Se lo guardi a lungo termine, allora è anche peggio. La mancanza di competizione in un campionato nazionale ha implicazioni sulle prestazioni delle squadre nelle competizioni europee. Questo a sua volta può influenzare una squadra nazionale di paesi. Se non ci credi, allora devi solo guardare come si sono comportati i club italiani nella prima metà degli anni ’80 in Europa e anche come l’Italia ha fatto in Francia ’84 (Campionato Europeo) e Messico ’86 (Coppa del Mondo).

L’IFF e il Tribunale dello Sport potrebbero pensare di aver preso la decisione giusta nel punire i club colpevoli, ma alla lunga potrebbero aver finito per punire tutta l’Italia.

Share :

Twitter
Facebook
Pinterest
LinkedIn

More Adventures